Dove trovo le ricette per i piatti migliori? Su Internet!

La cucina è una vera e propria passione per un numero crescente di italiani. Se da sempre quello fra i nostri connazionali e la buona tavola è un rapporto d’amore, negli ultimi due anni – complice anche il covid – il numero degli aspiranti chef è cresciuto ulteriormente. Così, tra pentole e fornelli, gli italiani amano passare il loro tempo libero, e non solo. Ma dove si possono reperire le ricette per preparare le migliori bontà? E quali sono i piatti maggiormente ricercati? Le risposte, in entrambi i casi, arrivano dalla rete.

Il 95% dei “cuochi” si informa online

Per cercare le ricette preferite o ispirarsi, il 95% degli utenti ricorre almeno ad una fonte online, mentre il 67% utilizza almeno un social media per trarre nuove idee. Non sorprende che a guidare le ricerche ci sia Google: lo preferisce il 56% degli italiani. Tra i social media, emerge Youtube, scelto dal 46% degli utenti alla ricerca di ricette. Lo studio, condotto dall’Osservatorio Nestlé, suddivide le statistiche anche per fascia d’età. Ad esempio, si scopre che i 18-24enni (58%) e i 25-34enni (49%) si affidano soprattutto ad Instagram, mentre la fascia 35-44 anni (58%) attinge in particolare dai siti web o dai blog di appassionati di cucina. I più “grandicelli”, quelli della fascia 45-54 anni (43%), preferiscono i tutorial su Youtube e gli over 55 (53%) scelgono i ricettari di famiglia. Prima dell’avvento dei social network il 62% prendeva spunto principalmente dai libri di cucina e il 52% dai ricettari di famiglia. Il 46% cercava direttamente la ricetta attraverso Internet, il 35% attraverso trasmissioni televisive dedicate e il 34% si affidava alle ricette lette sui giornali.

Le ricette più ricercate

Dopo aver scoperto chi e come cerca dritte sulla cucina on line, è interessante scoprire cosa si cerca. Ovvero, quali sono i piatti e le preparazioni prediletti e più googlati. Secondo i dati di Google Trends, le ricette più cercate su internet sono le più semplici. Al primo posto, troviamo la più amata in Italia, ovvero la pasta: in particolare, sono ricercate ricette come la pasta alla boscaiola, con i peperoni e la classica pasta e fagioli. Troviamo poi la torta di pere, i pancake, le crepes e, infine, un altro classico, la pizza. In aumento, invece, nuove tendenze come il poke ed il porridge, ma anche ricette fresche come l’insalata di riso. Infine, gli italiani non rinunciano a prepararsi qualche buon cocktail a casa: i preferiti sono il Sex on the beach ed il Gin Tonic.

La comunicazione durante la pandemia

Le ricerche sociali condotte negli ultimi due anni hanno analizzato i problemi e i cambiamenti provocati dalla pandemia. Al di là dell’impatto negativo sull’economia, la nuova ricerca di Eumetra, Comunicare durante le emergenze, fa notare i progressivi turbamenti all’equilibrio psicologico di fasce sempre più ampie di popolazione. Sono problemi non facili da rilevare, perché nelle dichiarazioni sullo status emotivo, le persone tendono a difendersi, e a comunicare una discreta sopportazione. In realtà, negli approfondimenti si manifestano insicurezze e bisogno di aiuto. Ciò però non avviene in tutti i segmenti, o quantomeno, non in modo analogo. Per capirlo, però, non è sufficiente analizzare gli individui attraverso le caratteristiche strutturali sociodemografiche, perché queste creano segmenti omogenei solo per ‘una variabile’, quella in analisi. In realtà la reattività dell’individuo è connessa al suo modo di pensare e di vedere la vita nelle sue varie manifestazioni. Per definizione, l’analisi della verità, e la comprensione, si devono affidare a un approccio ‘multivariato’.

Il 31% di popolazione si dichiara ‘molto preoccupata’

Attraverso questo approccio metodologico lo studio ha rilevato dati molto interessanti. Uno su tutti è che all’interno del 31% di popolazione che si di chiara ‘molto preoccupata’, la maggior parte si concentra nel segmento più elitario della popolazione. Questo dato risulta particolarmente sorprendente, perché significa che il cambiamento e lo stato di incertezza che i recenti eventi hanno prodotto hanno eroso anche le sicurezze di chi solitamente ha sufficienti strumenti culturali ed economici per superare i momenti di crisi.

La comunicazione pubblicitaria

Questo senso di abbandono e di isolamento che è tuttora avvertito in modo particolare dal segmento più benestante della popolazione, ha dato luogo a un atteggiamento molto positivo nei confronti della pubblicità. Durante i mesi di isolamento è emerso che alcune tipologie di avvisi pubblicitari risultassero profondamente stonati, a fronte invece dell’apprezzamento di contenuti considerati empatici e autentici. Bisognosa di informazioni e aggiornamenti, i mezzi di comunicazione vengono percepiti dalla popolazione come strumento di connessione con il mondo e con gli altri.

Colmare la distanza, anche con le aziende

E, anche a scopo compensatorio, si ha una predisposizione positiva anche nei confronti della pubblicità. Siamo stati isolati e ci siamo sentiti un po’ soli, abbiamo visto più televisione, e in generale, fruito di più mezzi. Abbiamo bisogno da una parte di colmare la distanza nelle nostre relazioni personali, dall’altra di sentire anche le aziende più vicine, dalla nostra parte. Comunicare durante un’emergenza è quindi complesso, ma anche molto apprezzato: è cruciale capire quali siano gli elementi valutati più positivamente e quali sono i target più affini a un determinato tipo di comunicazione.

Regali di Natale: Google lancia nuove soluzioni per le Pmi italiane

Le festività natalizie sono alle porte, e Google lancia nuove soluzioni per le Pmi e le piccole imprese locali. Più in particolare, per aiutare le Pmi italiane a farsi trovare più facilmente sul web, e agevolare lo shopping natalizio degli utenti della piattaforma, Google ha rinominato la vetrina digitale senza costi Google My Business Secondo uno studio Google-Ipsos condotto nella regione Emea, il 56% delle persone afferma che durante il periodo che precede Natale prediligerà acquisti nelle piccole imprese locali. E per aiutare le piccole imprese a farsi individuare online, dove spesso le persone iniziano il loro percorso di ricerca e di esplorazione quando desiderano fare acquisti, Google ha pensato a diverse soluzioni, utili appunto in vista della stagione delle festività 2021.

Da Google My Business a Profilo dell’attività 

Una di queste soluzioni riguarda la vetrina digitale Google My Business. A partire dalla seconda settimana di novembre, i titolari di esercizi commerciali, negozi, ristoranti e aziende potranno rivendicare e verificare facilmente il profilo della propria attività direttamente sulla Ricerca Google, o sull’app Google Maps. Per rendere il tutto più semplice, Google My Business verrà quindi rinominato Profilo dell’attività su Google. La scelta di ribattezzare Google My Business deriva delle analisi sulle ricerche che gli utenti compiono su Google. Da marzo 2020, complice soprattutto la pandemia, le ricerche legate allo shopping online e a come acquistare online sono cresciute in tutto il mondo. Come dimostra Google Trends, solo in Italia ad esempio, l’interesse di ricerca relativo a ‘shopping online’ è cresciuto del 50%, si legge su retorica.net.

Promuovere i propri punti vendita su Maps, YouTube e la Rete Display

Oltre al Profilo dell’attività, sono diversi gli strumenti e le funzionalità che Google mette a disposizione. Una di queste riguarda le Campagne locali, che consentono di promuovere i propri punti vendita, ad esempio sulla Ricerca Google, su Maps, YouTube e sulla Rete Display di Google.

Tre storie di successo italiane di piccole attività

Il colosso del web sottolinea inoltre che si possono trovare maggiori informazioni sul Profilo dell’attività, sulle Campagne locali e nel blogpost pubblicato al link italia.googleblog.com/2021/11/la-stagione-delle-festivita-2021.html, in cui si raccontano anche tre storie di successo italiane di piccole attività che utilizzano con successo il Profilo dell’attività su Google, riporta Adnkronos. Ovvero, la Libreria Verso a Milano, l’impresa sociale Progetto Quid di Verona, e la pasticceria di Brescia, Le Torte di Giada.

Estate con Fido e Micio, i consigli per una vacanza serena

Per le famiglie che hanno adottato un cane o un gatto nel periodo di pandemia l’estate 2021 potrebbe essere la prima esperienza di viaggio e di soggiorno prolungato fuori casa con l’amico peloso. E proprio pensando a chi trascorrerà le vacanze insieme al pet per la prima volta, ecco i suggerimenti elaborati con la consulenza della Dottoressa Sabrina Giussani, Medico Veterinario esperto in comportamento animale e presidente senior di S.I.S.C.A. (Società Italiana Scienze del Comportamento Animale) affinché le vacanze siano un momento speciale per essere felici insieme.

In vacanza con il cane

Meglio scegliere una località dove sia agevole fare passeggiate e con aree verdi nelle vicinanze. Oltre al libretto sanitario, occorre ricordare di portare il suo cibo, le sue ciotole ecc. E non dimenticare la museruola. Arrivati a destinazione, sistemare subito l’alloggio in modo che il cane abbia tutte le sue risorse a disposizione. Importante l’uso dei feromoni, che inviano un messaggio naturale di calma e serenità. Nei primi giorni, va poi evitato di lasciarlo completamente solo. Nei primi giorni, via libera a passeggiate esplorative nei dintorni, mappare insieme il territorio, trovare percorsi piacevoli, ma niente escursioni impegnative, soprattutto se il cane è poco allenato. E se durante la vacanza si verificano momenti in cui deve restare da solo meglio lasciare una luce accesa, la ciotola dell’acqua fresca, e giocattoli a disposizione.

In viaggio con il gatto

Quando invece si viaggia con un gatto, è molto più rilevante della scelta della tipologia di destinazione. Una buona opzione è un appartamento/residence al secondo o terzo piano, con balcone o terrazza. Importante verificare, soprattutto per località calde, la presenza dell’aria condizionata. Anche in questo caso portare il cibo abituale, le sue ciotole, i giochi che preferisce, le cuccette, il tiragraffi e la cassetta igienica. Non dimenticare il libretto sanitario e i prodotti di salute e igiene di uso abituale, e gli antiparassitari. Arrivati nella nuova dimora, meglio allestire subito una sistemazione di accoglienza, con tutte le sue “cose”, in un ambiente unico, ad esempio la camera da letto.

Gli errori più comuni

Ci sono comportamenti che messi in atto in modo inconsapevole possono causare disagio nel nostro amico a quattro zampe e trasformare la vacanza in uno stress.
“L’errore più comune è sottoporre il cane o il gatto a un eccesso di stimoli: troppe persone, troppi rumori, tanti cani, troppi cambiamenti, ad esempio chi cambia più alberghi… tutto troppo e troppo velocemente – piega la Dottoressa Giussani -. Questo può rendere la vacanza difficile da gestire, causando nel cane difficoltà a uscire in passeggiata, o nel gatto la tendenza a nascondersi per lungo tempo”.
Evitare quindi di forzare il cane o il gatto a esplorare tutte le stanze appena arrivato nella nuova casa, o lasciare il cane da solo per lungo tempo appena arrivati. Oppure, liberare il gatto lasciando andare all’esterno in un luogo che non conosce.

Quale cassetta postale scegliere?

Una delle ultime cose cui pensiamo quando cambiamo abitazione è quella relativa alla cassetta postale. Probabilmente dedichiamo attenzione a questo aspetto dopo aver sistemato cose più urgenti quali ad esempio l’allaccio alle utenze o il trasloco degli arredi, sebbene la scelta della cassetta abbia la sua rilevanza anche dal punto di vista pratico ed estetico.

Scegliere quella più adatta alle proprie necessità può non essere semplice, e per questo motivo di seguito offriamo alcuni consigli che potranno dare una mano nell’acquistare la cassetta giusta. Vediamo allora insieme alcuni suggerimenti che possono aiutare a scegliere la cassetta postale perfetta in base alle condizioni del luogo e alla tipologia di edificio in cui ci spostiamo.

Un elemento che fa parte di casa

Nell’epoca della comunicazione multimediale e immediata infatti, è inevitabile continuare a ricevere corrispondenza cartacea. Questa chiaramente riguarda sempre meno aspetti divertenti o emozionali della vita e si limita a comunicazioni ufficiali, notifiche, bollette e depliant pubblicitari, nella maggior parte dei casi.

Proprio per questo motivo la cassetta delle poste è considerata come un elemento accessorio che fa parte di casa e dunque un componente sul quale si ripongono determinate attenzioni per quel che riguarda l’impressione che questa è in grado di offrire a chi la osserva. Sul mercato è infatti possibile trovare tantissimi tipi di cassette postali nei formati, stili e colori tradizionali ma anche nei più fantasiosi.

Dunque la cassetta postale riveste ancora oggi un aspetto importante considerando che questa, in base alle dimensioni prescelte, può anche ospitare piccoli pacchi e custodirli in sicurezza, il che è molto importante tenendo presente che oggi tutti noi siamo soliti acquistare i nostri prodotti online.

Il luogo in cui collocare la cassetta postale

Avere ben chiaro sin dall’inizio quale sarà l’esatta ubicazione della nostra nuova cassetta postale consentirà di poter restringere il cerchio e concentrarsi sui modelli che meglio si adattano alle caratteristiche del luogo.

Esistono infatti casellari progettati per interni così come quelli per gli esterni: la differenza è che questi ultimi devono essere in grado di proteggere la corrispondenza dalle intemperie nonché dai tentativi di sottrazione da parte di eventuali malintenzionati. Sicurezza e protezione dunque, grazie a materiali resistenti quali alluminio e ABS, per un prodotto perfettamente in grado di offrire anche un aspetto estetico particolarmente gradevole ed elegante.

Per quel che riguarda i casellari da interni, alcuni tra i migliori modelli presentano una migliore trasparenza degli sportelli, soluzione preferibile appunto in ambienti interni, che consente di guardare con più facilità all’interno della cassetta. Inoltre la griglia stampata consente di avere la corrispondenza sollevata rispetto il fondo, con il vantaggio che le operazioni di raccolta della corrispondenza sono più semplici.

Le cassette portapacchi

Le cassette portapacchi hanno raggiunto una considerevole notorietà nel corso degli ultimi anni, sia per quel che riguarda condomini e strutture residenziali in genere che all’interno di uffici e sedi aziendali. Queste strutture consentono infatti di poter alloggiare anche pacchi di piccole e medie dimensioni, il che consente di andare a custodire in maniera sicura i prodotti che si ricevono anche quando si è lontani da casa.

In loro assenza infatti (o in assenza di un portiere), il postino o corriere è costretto a lasciare il pacchetto poggiato nelle vicinanze delle cassette della posta con il rischio che qualcuno possa facilmente sottrarle. Se prevedi di ricevere dunque un considerevole numero di plichi e/o riviste, o se fai spesso i tuoi acquisti online e desideri mettere al sicuro il tuo shopping durante la tua assenza, una cassetta portapacchi potrebbe essere la soluzione perfetta per te.

Articolo in evidenza

Pubblicato
Categorie: Web stories

Guardare annunci immobiliari per curiosità: è il property porn

Sfogliare annunci immobiliari pur senza avere intenzione di cambiare casa, giusto per curiosità, magari per sognare abitazioni favolose, oppure per tenersi aggiornati sui costi. È il cosiddetto property porn, una pratica a cui si dedica un italiano su tre. Secondo la survey di Immobiliare.it, che ha coinvolto circa 2.000 utenti attivi sul portale di tutte le fasce d’età, il 33% ha infatti ammesso di utilizzare il sito non solo per cercare casa, ma anche come fonte di svago. Una percentuale che sale fino al 47% negli under 25.

I giovani sono i più “guardoni”
Più della metà (56%) dei giovani e giovanissimi, ovvero la fascia 25-35 e gli under 25, guarda gli annunci pubblicati sul portale non solo per trovare la casa in cui vivere, ma anche, ad esempio, per cercare ispirazioni di arredamento. E ben il 23% degli under 25 lo fa per fantasticare su proprietà al di là delle proprie possibilità. In generale, anche se la maggioranza degli italiani (58%) ha utilizzato il sito anche in periodi della vita in cui non stava attivamente cercando casa, il 35% degli intervistati ha comunque confermato di voler cambiare casa entro l’anno. Un’esigenza che riguarda soprattutto il pubblico giovane, con percentuali che superano il 40% negli under 35.

Ai più maturi piace sognare in grande
Agli italiani piace sognare in grande: il 53% ha dichiarato di entusiasmarsi nel guardare soluzioni abitative da sogno, con picchi del 61% tra gli utenti più maturi, quelli compresi nella fascia d’età 45-60 e over 60. Un quarto degli utenti, tuttavia, si dice frustrato da questa attività, dal momento che si tratta di case che non riuscirà mai a permettersi. Percentuale che raggiunge quasi il 30% quando a rispondere sono i Millennials e la Gen Z. Questi ultimi sono anche i più invidiosi, il 25% vorrebbe infatti essere il proprietario degli immobili che si diverte ad ammirare attraverso lo schermo.

Le case più desiderate dagli italiani
Il vero sogno proibito degli italiani però rimangono le case a due passi dal mare (32%), percentuale che si alza al 37% fra gli over 60, o le costruzioni ultramoderne dal sapore contemporaneo (27%). I più affascinati da soluzioni abitative di design rimangono i giovani e i giovanissimi, con percentuali che arrivano rispettivamente al 38% e al 45%.
Ricercate invece dalla fascia più agée anche le case antiche (19%, a fronte di un generale 13%): probabilmente il fascino di altri tempi le rende l’opzione ideale per il “buen retiro”.
Casa dei sogni sì, ma nel circondario. Tra quanti guardano le case per diletto, infatti, quasi la metà (46%) imposta la ricerca nella città in cui già vive, e solo il 17% si trasferirebbe altrove. Percentuale quest’ultima, riporta Ansa,  che sale al 24% quando a fare progetti sono gli over 60, più propensi a cambiare vita.